Ai sensi dell’Art. 12 - 2-quater all’articolo 88-bis del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27.   Mosaico comunica e informa che i voucher emessi in relazione alla epidemia Covid-19 relativi ad annullamenti effettuati prima del 31 luglio 2020, saranno automaticamente adeguati alla nuova normativa e disposizioni di legge.   La validità è estesa infatti a 30 mesi a decorrere dalla data della loro emissione e saranno posti al rimborso al termine di tale periodo ove non utilizzati per la prenotazione di un nuovo viaggio.   Qualora ve ne sia la necessità ed esplicita richiesta Mosaico si rende disponibile ad un eventuale estensione della validità degli stessi   Ricordiamo che, come previsto all'art. 30, comma 4 bis, del "Decreto Sostegni 1" (Dl 22 marzo 2021, n.41) convertito in legge e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 24 maggio u.s, è stata introdotta la possibilità che, con il consenso delle parti, il voucher sia ceduto dal beneficiario all'agenzia di viaggio, o possa essere emesso direttamente in favore di quest'ultima nei casi in cui il pagamento o la prenotazione siano stati effettuati dalla stessa. Solo dopo aver collezionato il consenso di tutte le parti potrà essere richiesto dall'agenzia il modulo di cessione.
close
Voucher

Emirati Arabi

Molti identificano gli Emirati Arabi Uniti (EAU) con Dubai, ma al di là dello sfarzo, vi attende un mosaico di sei altri emirati, ciascuno con atmosfere e caratteristiche proprie. A un’ora d’auto verso sud, la città petrolifera di Abu Dhabi, capitale del paese, si sta affermando come centro per la cultura, lo sport e il tempo libero. Oltre i suoi confini si profila la vasta regione di Al Gharbia, dominata dalle propaggini settentrionali del deserto di Rub’ Al Khali, il cui magico silenzio è interrotto solo dal fruscio delle dune. A nord di Dubai, Sharjah è ricca di arte e cultura, mentre i minuscoli Ajman e Umm Al Quwain conservano uno stile di vita tradizionale, e Ras Al Khaimah è circondato dai possenti Monti Hajar. Le migliori opportunità per il nuoto e le immersioni sono offerte dall’emirato di Fujairah, che si affaccia sulle acque cristalline del Golfo di Oman.

Gli Emirati Arabi, al confine con l’Oman e l’Arabia Saudita, sono caratterizzati da continui contrasti e contraddizioni contrapponendo modernità alle più antiche tradizioni locali.
Al loro interno convivono i grattacieli più alti del mondo e il deserto con i beduini, i centri commerciali con gli antichi villaggi dei pescatori.
Gli Emirati Arabi vengono spesso identificati con la città di Dubai, ma sono sette gli emirati che compongono la federazione: Abu Dhabi, Ajman, Dubai, Fujairah, Ras al-Khaima, Sharjah e Umm al-Qaywayn, ognuno ha le sue peculiarità e la sua storia, ricca di tradizioni.

A Dubai, l’avveniristica città fatta di grattacieli, isole a forma di palma, immensi centri commerciali, piste da sci al coperto e lussuosi resort, ma anche i tipici souq e le moschee, che la rendono una delle mete più curiose, dinamiche e attraenti del Medio Oriente.
Abu Dhabi, circondata dal deserto, è una città super moderna e commerciale, ma mantiene un’aurea tradizionale grazie ai profili delle moschee e ai minareti.
Se vuoi scoprire il deserto puoi prendere parte ad uno dei tanti tour safari, con partenza dalla città, dove potrai scegliere se aggiungere la cena sotto le stelle o addirittura la notte nel campo tendato.

Gli Emirati Arabi Uniti sono una nazione della penisola araba, affacciata per la maggior parte sul Golfo Persico.
Il Paese è una federazione di sette emirati, dove Abu Dhabi è la capitale insulare.
Gli altri Emirati sono Dubai, Ajman, Dubai, Fujairah, Ras al-Khaima, Sharjah e Umm al-Qaywayn.

ABU DHABI è la capitale degli Emirati Arabi Uniti, è anche l’Emirato più esteso (copre l’86% dello stato) e la città più importante dal punto di vista economico. Si sviluppa in un territorio prevalentemente desertico, circondato da moltissime isole, tra cui Yas Island, Saadiyat Island, Nurai Island e quella dove si trova la città di Abu Dhabi. Abu Dhabi affascina per la coesistenza di tradizione e modernità, dei ritmi lenti del deserto e della frenesia della metropoli, dei panorami millenari e degli edifici ultra moderni e lussuosi che svettano verso il cielo.
Ci sono vari luoghi che meritano la pena d’essere visitati a Abu Dhabi, la Moschea Sheikh Zayed, una delle maggiori moschee del mondo e, senza dubbio, una delle più impressionanti, il Louvre Adu Dhabi, anche solo il suo edificio è un vero proprio capolavoro, Heritage Village, museo all’aria aperta, dove potrete vedere gli usi e costumi degli abitanti degli emirati, prima della scoperta del petrolio e la Corniche, il lungomare, un bellissimo luogo dove passeggiare.

DUBAI è il secondo più grande dei sette emirati, governato dalla famiglia Al Maktoum. Questa è una destinazione turistica di lusso e non solo, soleggiata, con attività per il tempo libero di livello mondiale, ottime strutture e intrattenimenti, una consolidata reputazione di ospitalità in stile arabo, estese spiagge, moderne strutture commerciali, ma anche suq e ristoranti multietnici. Dubai è anche rinomata per sport dall’antica tradizione come la falconeria, le corse dei cammelli, le regate di Dau e i concorsi ippici.
Uno spaccato pittoresco della vecchia Dubai è offerto dall’antico quartiere di Bastakiya, con i suoi vicoli stretti e le alte case chiamate “torri del vento”, per via del loro sistema di raffrescamento.
Accanto a questi aspetti tradizionali, Dubai offre alcuni tra i progetti più avveniristici dell’edilizia contemporanea come il grattacielo Burj Khalifa e le costruzioni sul mare di Jumeirah Palm e The World.

Altri Emirati meno conosciuti:
SHARJAH è un emirato al confine meridionale con Dubai, da cui dista appena 30 minuti, le cui coste si affacciano sul Golfo Persico e sul Golfo dell’Oman. Sharjah è considerata la capitale culturale degli Emirati Arabi.
AJMAN è l’emirato più piccolo, appena 260 kmq, circondato dall’emirato di Sharjah. Dedito alla pesca e all’agricoltura, si sta lentamente trasformando in una meta extralusso, amata da quei turisti che sono alla ricerca di mete sempre nuove, esclusive e poco frequentate.
UMM AL QAIWAIN è il secondo più piccolo Emirato e anche quello meno popolato. La pesca e l’agricoltura sono sempre state le principali fonti di reddito.

CLIMA, QUANDO ANDARE
Negli Emirati il clima subtropicale è secco, molto caldo e presenta una forte escursione termica tra il giorno e la notte. Particolarmente secco da ottobre ad aprile, il clima diviene caldo/umido nel periodo fra maggio e settembre.
Nelle zone costiere la temperatura viene mitigata dalle brezze marine. Le temperature estive superano i 40 gradi, mentre gennaio è il mese più freddo (min.15 gradi).
Il periodo più adatto per visitare queste zone è quello compreso fra ottobre e maggio, quando le temperature non superano i 35 gradi e le piogge sono scarse.
Nella scelta del periodo del viaggio suggeriamo di considerare anche il Ramadan, le cui date cambiano ogni anno. È il mese più sacro dell’anno per i musulmani, durante il quale viene osservato il digiuno nelle ore del giorno.
Durante il Ramadan la vendita di alcolici è limitata alle ore dopo il tramonto, non è permesso suonare musica dal vivo o ballare, i negozi cambiano spesso orario, restando chiusi durante il giorno, aprendo un’ora o due dopo il tramonto e fino a tarda notte, i negozi di alimentari e i ristoranti normalmente rimangono chiusi o offrono un servizio di asporto soltanto durante il giorno e poi aprono per il pasto dell’ Iftar dopo il tramonto.

INFORMAZIONI PRATICHE

CLIMA, QUANDO ANDARE
Negli Emirati il clima subtropicale è secco, molto caldo e presenta una forte escursione termica tra il giorno e la notte. Particolarmente secco da ottobre ad aprile, il clima diviene caldo/umido nel periodo fra maggio e settembre.
Nelle zone costiere la temperatura viene mitigata dalle brezze marine. Le temperature estive superano i 40 gradi, mentre gennaio è il mese più freddo (min.15 gradi).
Il periodo più adatto per visitare queste zone è quello compreso fra ottobre e maggio, quando le temperature non superano i 35 gradi e le piogge sono scarse.
Nella scelta del periodo del viaggio suggeriamo di considerare anche il Ramadan, le cui date cambiano ogni anno. È il mese più sacro dell’anno per i musulmani, durante il quale viene osservato il digiuno nelle ore del giorno.
Durante il Ramadan la vendita di alcolici è limitata alle ore dopo il tramonto, non è permesso suonare musica dal vivo o ballare, i negozi cambiano spesso orario, restando chiusi durante il giorno, aprendo un’ora o due dopo il tramonto e fino a tarda notte, i negozi di alimentari e i ristoranti normalmente rimangono chiusi o offrono un servizio di asporto soltanto durante il giorno e poi aprono per il pasto dell’Iftar dopo il tramonto.

COME ARRIVARE & SPOSTARSI
Gli Emirati Arabi sono collegati all’Italia con comodi ed economici voli di linea diretti (circa 5/6 ore di volo), operati da Emirates su Dubai o Etihad Airways su Abu Dhabi.
I due aeroporti distano circa 100km l’uno dall’altro e gran parte del tragitto viene fatto in autostrada.
L’ampia scelta di mezzi di trasporto pubblici, facilmente disponibili ed economici, rende agevoli gli spostamenti negli Emirati Arabi.
Nelle zone storiche e nei villaggi ci si muove solitamente a piedi, in modo da respirare l’aria autentica degli antichi suq (mercati) e lasciarsi stupire dalla bellezza delle moschee.
A Dubai e Abu Dhabi ci si può spostare con i mezzi di trasporto pubblico (bus e metropolitana) o con i taxi, il cui costo è piuttosto accessibile.
Per esplorare zone interne e meno turistiche è consigliato noleggiare un’auto con conducente.
Infine per visitare il deserto, è indispensabile affidarsi a tour specializzati, con trasporto incluso.

DOCUMENTI NECESSARI
Passaporto necessario con validità non inferiore ai sei mesi dalla data di ingresso nel paese.
Il visto d’ingresso dura 30 giorni, e viene rilasciato gratuitamente all’arrivo in aeroporto.

LINGUE PARLATE
L’arabo è la lingua ufficiale.
L’inglese è diffusamente parlato e compreso, oltre che comunemente utilizzato come seconda lingua negli affari e nel commercio.

FUSO ORARIO
Dubai e Abu Dhabi si trovano a + 4 rispetto al GMT, quindi 3 ore avanti rispetto all’Italia, 2 ore quando è in vigore l’ora legale.

SALUTE
Non è richiesta nessuna vaccinazione per entrare negli Emirati. E’ consigliato stipulare una assicurazione medica prima della partenza, che copra anche eventuali spese di rimpatrio.
Dubai e Abu Dhabi vantano numerosi ospedali pubblici e istituti di cura privati, che offrono assistenza medica di qualità. L’acqua del rubinetto è generalmente potabile e sicura nelle città principali.

VALUTA E PAGAMENTI
Il Dirham (AED o DHS) si divide in 100 fils. 1 Dirham è pari a circa 0,25 Euro.
Si trovano uffici di cambio e ATM ovunque nelle grandi città, alrtimenti si possono cambiare soldi anche in aeroporto, negli uffici di cambio, nelle banche e negli hotel più grandi.
Per le compere nei suq (mercati) o in negozi più piccoli, la soluzione migliore, e spesso l’unica, sono i contanti.
Carte di credito: Le principali carte di credito sono accettate quasi ovunque. Potrebbero esserci difficoltà per quelle elettroniche.

Nessun risultato

Siamo spiacenti, non troviamo risposta alla tua domanda

Non trovi quello che stai cercando? Prova a scrivere qui l'oggetto della tua ricerca.

Ricevi newsletter

© 2020 Mosaico SRL

Cod.fisc. e part.iva 04240170409 - All Rights Reserved