Eccoci di nuovo a raccontare un’esperienza fatta di spirito, natura e di vera essenza indocinese.

Veronica qualche tempo fa ha visitato il Vietnam del Nord, vivendo l’atmosfera mistica di templi buddisti, località rimaste immutate nel tempo, sapori e culture capaci di trasportarci completamente aldilà della nostra dimensione.

Un viaggio in Vietnam è perfetto per coloro che cercano di passare del tempo coccolati da tradizioni, riti e esperienze speciali. Si tratta di un tipo di percorso capace di far affiorare sensazioni mai provate, dove la dimensione mistica e meditativa è parte integrante di un viaggio anche dentro noi stessi.

Alcuni itinerari MOSAICOIn Vietnam

 

Il viaggio di Veronica nel nord del Vietnam

Il mio percorso attraverso il nord del Vietnam è un insieme di colori, profumi e suoni, tipici di questo luogo ed unici nel loro genere, capaci di lasciare nella mente dei vividi ricordi.

Hanoi, capitale caotica e affascinante al tempo stesso

La prima tappa del mio viaggio è la città di Hanoi, capitale del Vietnam.

Tra le prime caratteristiche che saltano all’occhio c’è di sicuro il traffico di motorini e biciclette! Intere famiglie che viaggiano su due ruote; persone che trasportano enormi carichi di ogni tipo, inclusi galline, anatre, maiali; vere e proprie bancarelle viaggianti che sfrecciano nel caos del traffico cittadino.

Una caratteristica particolare, che rende curioso anche stare in coda al semaforo.
Anche l’architettura ha un’anima tutta sua: tra case fatiscenti e palazzi scintillanti, antichi templi e lanterne cinesi, si trovano lunghe e strette palazzine colorate in stile francese che creano un mix davvero particolare.

Sì perché qui l’influenza cinese, francese e dei vicini paesi asiatici ha giocato un ruolo fondamentale, in tutto quello che oggi è Hanoi: un’insieme di stili e culture che convivono in modo imperfetto ma incomparabile.

 

Nel cuore della capitale

Tra le principali visite della città, c’è il bellissimo Tempio della letteratura dedicato in origine a Confucio e divenuto poi importante università.

Racchiusa tra le mura del tempio si trova un’oasi di pace e cultura davvero affascinante. Troviamo all’interno la zona monumentale: essa conserva nei suoi palazzi in stile coloniale i principali siti storici di Hanoi come il mausoleo di Ho Chi Minh e la cittadella imperiale.

Il “tempio della montagna di giada” è un punto nevralgico della città, custodito su un isolotto all’interno del lago Hoan Kiem, al quale si accede da un pittoresco ponte di legno di colore rosso.

Il Tempio della letteratura
Cittadella imperiale

Proprio da qui si snoda tutto il Quartiere Vecchio, un’insieme di viuzze, edifici storici e piazzette che racchiudono l’essenza più autentica di Hanoi.

Venditori ambulanti con ceste cariche di frutta e fiori, bancarelle di street food che offrono gustosi piatti di Pho (zuppa di noodles tradizionale), e numerose botteghe e negozietti di artigianato locale. Un vortice di tanti rumori, colori e odori, che ti trasporta nel pieno della vita locale.

Quartiere vecchio
Duong Lam, un antico villaggio fermo nel tempo

 Lasciando il caos cittadino e attraversando panorami lussureggianti, a circa cinquanta chilometri da Hanoi, ho raggiunto il villaggio di Duong Lam, dove si riesce a toccare con mano tutta l’essenza di un antico villaggio vietnamita, rimasto intatto nel tempo.

Qui, tra risaie, case di mattoni, bestiame e piccoli templi, spiccano sopratutto gli abitanti del luogo. Persone sorridenti e cordiali, che svolgono a ritmo lento i loro lavori, legati sopratutto all’agricoltura.

Camminare attraverso le piccole stradine di questo villaggio ed entrare in contatto con la cultura locale è davvero stimolante, e percepire il lato più genuino del luogo rende il tutto indimenticabile!

cucina vietnamita
Veronica e la cucina vitnamita.

 

cucina vietnamita
Piatto tipico vietnamita.

 

Anche il cibo, preparato con passione nelle tradizionali locande, è davvero ottimo…a parte i piatti preparati con il coriandolo! Non me ne vogliano gli chef vietnamiti, ma il coriandolo non è proprio tra le mie spezie preferite! Mentre la zuppa di spaghetti Pho, e gli involtini di verdure Nem meritano una menzione speciale.

Duong Lam
La Montagna dei Profumi: un luogo mistico dal panorama mozzafiato.

Il mio viaggio prosegue a circa settanta chilometri a sud-est di Hanoi, verso una natura più selvaggia, dove si trova la Pagoda dei Profumi.

Si tratta di un complesso di pagode e di templi buddsiti, costruiti su una montagna calcarea. Arrivati al molo di Duc, ci si sale a bordo di piccole barchette a remi, guidate quasi esclusivamente da ragazze sorridenti con il tipico cappello a cono, e tanta tanta forza nelle braccia.

La traversata lenta sul fiume Yen dura circa un’ora, nella quale si rimane affascinati dalle bellezze che costeggiano le sponde del fiume; alte montagne ricoperte di un manto verde, e risaie a perdita d’occhio.

Il tutto, circondato da un magnifico silenzio…una piccola Ninh Binh del nord. Arrivati ai piedi della montagna, si raggiungono camminando i primi templi, ma per proseguire occorre avere gambe allenate, oppure immergersi in un’emozionate percorso in funivia attraverso le montagne, per poter raggiungere il punto più alto, dove si nasconde la Pagoda dei Profumi. Il mio percorso è stato in funivia, e posso dire che già solo il paesaggio visto da lassù, vale l’esperienza!

Arrivati in cima, una discesa di cento scalini vi aspetta prima di arrivare nella grotta e pagoda dei profumi, un luogo buddista ricco di fascino, inserito in un contesto naturalistico davvero unico, che ogni anno richiama a sè migliaia di fedeli.

Il percorso per tornare indietro, questa volta è a piedi..in discesa è tutto più facile si sa! Prima di raggiungere nuovamente il molo si incontra un altro magnifico complesso di templi, utilizzato come rifugio dai monaci, che lascia senza fiato per il forte potere spirituale che riesce a trasmettere.

Anche io sarei rimasta volentieri in quel posto magico con i monaci per un pò! Il ritorno sulle barchette permette di godersi il paesaggio con i colori del tramonto.

Montagna e pagoda dei profumi
Tempio dei monaci sulla montagna dei profumi
tempio dei monaci sulla montagna dei profumi
Tramonto dal tempio dei monaci sulla montagna dei profumi
E per finire..la baia di Halong: il sogno diventa realtà.

Finalmente è arrivata l’ora di raggiungere la baia di Halong e le sue bellezze.

A circa tre ore di macchina da Hanoi si trova la splendida baia, costellata da circa tremila isolette calcaree che si immergono nelle verdi acque del golfo.
All’interno di alcune isole si nascondono villaggi galleggianti di pescatori, e numerose grotte carsiche visitabili.

Il modo migliore per visitare la baia, è certamente attraverso una crociera in Junka, tipica imbarcazione in legno, un tempo adibita al trasporto del riso, ed oggi trasformata in resort galleggiante.

L’atmosfera a bordo della mia Junka era calma e piacevole, ed iniziare a navigare attraverso queste immense montagne di roccia è stato davvero rilassante.

L’immensità della natura che circonda tutta la Junka, fa pensare di essere in un film surreale, ma invece è tutto vero!

Dormire a bordo, scendere per visitare le grotte e raggiungere i villaggi di pescatori con il kayak, partecipare a lezioni di Thai Chi all’alba e fare colazione con questa vista impareggiabile, ha reso ancora più indimenticabile questa mia esperienza, che ritengo di consigliare a chiunque viaggi in Vietnam.

Baia di Halong
Certamente tornerò, per poter toccare con mano tutto ciò che questo splendido paese ha da offrire da Nord a Sud.

 

baia di Halong
Baia di Halong

1 Commento

  • Avatar
    Cristina Bartoli
    Posted 17 Settembre 2020

    Partenze per Dicembre in oriente ?

Lascia un commento.