Il nostro articolo di oggi è dedicato al meraviglioso Palazzo Reale di Bangkok.

Costruito a partire dal 1782, il vasto complesso si estende su un’area di 218.400 m², nel cuore della città, circondato da alte mura bianche.

Da quando il Re non vi abita più, è sede di templi e di palazzi di rappresentanza. Essa comprende il vasto tempio reale; la splendida cappella del Buddha di Smeraldo, la sala del trono, la sala delle udienze reali, la sala delle incoronazioni. Sono presenti anche diverse sale  per udienze private e quelle per conservare le ceneri dei malati defunti oltre naturalmente, alle abitazioni reali di varie epoche.

Poiché il complesso stato ampliato con svariati stili riferiti a varie epoche, l’insieme non è uniforme, tuttavia l’effetto esprime comunque armonia. La disposizione interna degli edifici, infatti, ripropone esattamente quello del Palazzo Reale che sorgeva nella vecchia capitale Ayutthaya.


L’Ubosoth, il tempio centrale, serviva al Re da cappella privata. Qui si trova il celeberrimo e veneratissimo Buddha di Smeraldo, che di smeraldo non è, ma di diastro, una pietra della stessa tipologia dell’agata e della giada.

La statua misura 66 centimetri di altezza e 48 di larghezza, vanta una lunga storia di trasferimenti dal 1434, anno della sua scoperta per opera di un monaco di Chiang Rai. Arrivò a Bangkok nel 1778, dopo essere stata a Vientiane e Luang Prabang (Laos), Chiang Mai e Lampang.

Tre volte l’anno il Buddha di smeraldo cambia abito, nel corso di una delle cerimonie più importanti del Paese, presieduta dal Re.

Il Buddha di smeraldo presso il Palazzo Reale di Bangkok.         Wikipedia

Scoprite la Thailandia nella sua vera essenza, guidati da chi la conosce nei suoi profondi significati. Costruite secondo i vostri desideri un viaggio Mosaico. La vostra agenzia di viaggio di fiducia vi aspetta!

Lascia un commento.